RSVP - Raccomandati Se Vi Piacciono -
Recensioni su Film, Musica, Serie TV e Libri.

Nessuno mi può giudicare è una buona commedia che fa anche riflettere.

Nessuno_mi_può_giudicare-loc


Nessuno mi può giudi
care è un film del 2011 diretto da Massimiliano Bruno, con Raoul Bova e Paola Cortellesi.

Ha vinto a sorpresa il Nastro d'argento alla migliore commedia battendo i due campioni d'incasso stagionali Benvenuti al Sud e Che Bella Giornata.

Tra gli altri attori vi sono Rocco Papaleo, Anna Foglietta, Caterina Guzzanti, Massimiliano Bruno e Giovanni Bruno nella sua prima apparizione cinematografica.

Il regista interpreta una piccola parte all'inizio del film, recita nel ruolo di Graziani, collaboratore di Pietro, che insieme alla moglie fa le condoglianze a Alice/Paola Cortellesi.

Sceglie l'iperrealismo rispetto a film dello stesso genere come Henry - Pioggia di sangue e Il cameraman e l'assassino. Fa una denuncia, forse un tantino retorica, nei confronti dei mass-media. Incarna la violenza spettacolo per far sì che il serpente si morda la coda.

Mischia fumetti a formati di pellicola diversi in maniera suggestiva. Fa dei chiari riferimenti alla cronaca attuale senza fare del documentarismo. Per contro, necessita di una grande maturità da parte dello spettatore. Soprattutto perché nello spettacolo caleidoscopico, che scorre come sulle montagne russe, non c'è il tempo per i più giovani di prendere le distanze dai protagonisti.

La musica è quanto mai varia, spaziando dalle atmosfere di Peter Gabriel al rock di Patti Smith, a Puccini (come già aveva fatto Kubrick), fino alla voce demoniaca di Diamanda Galas.



 

L'arrogante Alice vive in una bella villetta di Roma nord, ha un marito Pietro, un figlio di 9 anni e tre domestici extracomunitari. La sua vita sembra un sogno dorato ma si rivelerà ben presto un incubo. Suo marito, imprenditore nel ramo dei sanitari, muore in un incidente e il suo avvocato le spiega che è rimasta senza un soldo e che il marito l'ha lasciata piena di debiti, e da qui il mondo le crolla addosso: deve licenziare i domestici e vendere la casa. La sua nuova sistemazione consiste in un minuscolo appartamento nel quartiere del Quarticciolo, segnalatole dal suo ex domestico Aziz. Tuttavia, la vendita della villa è insufficiente per far fronte ai debiti, e così Alice decide di contattare Eva, una escort vista poco tempo prima durante una festa.

Lo scopo di Alice è quello di guadagnare molto denaro in poco tempo e quindi, suo malgrado, intraprende la carriera di escort, aiutata da Eva. Dopo l'imbarazzo iniziale, il metodo inizia a funzionare, e Alice può, a poco a poco, ripianare i suoi debiti.

Nessuno_mi_può_giudicare

Durante la sua permanenza al Quarticciolo però Alice conosce Giulio, amico di Aziz e gestore di un internet point, e se ne innamora. Tuttavia, la sua professione di escort costituisce un serio ostacolo alla loro storia d'amore, e così Alice decide di nascondergli la verità, raccontandogli di lavorare in un negozio Decathlon. Tutto sembra funzionare, fin quando Giulio non scopre Alice ed Eva ad una festa di addio al celibato. Giulio allora, sentendosi tradito, decide di lasciare Alice.

A risolvere la situazione ci penserà Eva, fino a quel momento cinica e materialista. Eva si presenta davanti all'internet point di Giulio, in procinto di chiudere a causa dei debiti contratti col padrone di casa, e gli porge un assegno. Giulio inizialmente rifiuta i soldi, ma Eva lo convince ad accettare, facendogli capire che Alice, se ha fatto quello che ha fatto, è stato unicamente per necessità. A questo punto Alice, pagati tutti i debiti, può lasciare la carriera di escort e continuare in serenità la sua storia d'amore con Giulio, lavorando come cameriera in un ristorante giapponese.

NessunoMiPuoGiudicare2

Interpreti e personaggi.

    Raoul Bova: Giulio
    Paola Cortellesi: Alice
    Rocco Papaleo: Lionello Frustace
    Anna Foglietta: Eva (Fabiana)
    Caterina Guzzanti: Sofia
    Massimiliano Bruno: Francesco Graziani
    Giovanni Bruno: Filippo
    Hassani Shapi: Aziz
    Valerio Aprea: Biagio
    Lillo: Enzo
    Lucia Ocone: Tiziana
    Dario Cassini: Pietro
    Awa Ly: Abeba
    Raul Bolanos: Marcelo
    Maurizio Lops: Bonetti
    Pietro De Silva: Bompadre
    Massimiliano Delgado: Denis
    Fausto Leali: sé stesso
    Valerio Mastandrea: voce narrante, cliente di Eva
    Massimiliano Vado: cliente biondo
    Remo Remotti: Poeta

nessuno-mi-puo-giudicare-film

Doppiatori italiani.

Roberto Pedicini: Mickey Knox
Laura Boccanera: Mallory Knox
Loris Loddi: Wayne Gale
Renzo Stacchi: guardiano Dwight McClusky
Massimo Corvo: detective Jack Scagnetti
Sergio Fiorentini: Ed Wilson, padre di Mallory
Vittorio Battarra: Sonny
Gianni Musy: Earl
Paila Pavese: Madre di Mallory
Luca Dal Fabbro: Owen
Michele Kalamera: Dale Wrigley
Corrado Conforti: Gerald Nash
Silvia Pepitoni: Mabel
Stella Musy: Mignolo, la prostituta
Oliviero Dinelli: Wurlitzer
Enzo Avolio: Kanaugh
Goffredo Matassi: vicesceriffo Napalatoni
Fabrizio Vidale: Sparky
Francesco Meoni: Farmacista
Francesco Prando: Mickey (vers. televisiva)
Laura Boccanera: Mallory (vers. televisiva)
Christian Iansante: Roger

nessuno-mi-puo-giudicare-bova