RSVP - Raccomandati Se Vi Piacciono -
Recensioni su Film, Musica, Serie TV e Libri.

Il codice Da Vinci

Il codice da Vinci (The Da Vinci Code) è il quarto romanzo thriller dello scrittore Dan Brown, scritto nel 2003 e pubblicato in Italia nel 2004.
 
Il libro è un best seller internazionale, avendo venduto globalmente oltre 80 milioni di copie.
Trama.

Il curatore del Louvre, Jacques Saunière, a Parigi, viene ucciso per mano di uno strano monaco albino appartenente all'Opus Dei. Lo studioso di simbologia, il professor Robert Langdon, viene a sapere dell'omicidio e, condotto al Louvre, viene interrogato, poiché ritenuto colpevole della morte del curatore. 

Langdon, affiancato da Sophie Neveu, nipote del curatore ucciso, e successivamente anche dallo studioso sir Leigh Teabing, dovrà ripercorrere attraverso indizi nascosti in importanti opere d'arte, enigmi e misteriosi nemici, il percorso del Santo Graal, uno dei più grandi misteri dell'umanità. Tale percorso si incrocia con quello di un'antica e misteriosa società segreta nota come Priorato di Sion (di cui faceva parte Saunière), che nasconde un segreto che potrebbe compromettere i fondamenti stessi del Cristianesimo, nella versione tramandata dalla Chiesa cattolica.

Le prime edizioni diffuse avevano all’inizio del romanzo una pagina che affermava la piena veridicità del romanzo e che il contenuto e gli avvenimenti narrati erano frutto di numerose ricerche. Molti storici, tra cui l’esperto della storia delle religioni Massimo Introvigne, lo criticarono duramente e lo invitarono ad un confronto diretto per discutere sulla veridicità dei contenuti presenti. Lanciata la sfida, Dan Brown decise di non accettarla ma di togliere la pagina di intestazione. È per questo che la versione italiana o di altre lingue non ha la premessa fatta da Dan Brown riguardante la veridicità del romanzo, al contrario delle prime versioni pubblicate in inglese.

Dan Brown, nel corso di un'intervista del 2003 alla CNN con Martin Savidge, ha comunque ribadito la pretesa storicità dell'opera dicendo che il contenuto era veritiero al 99%, ma che molti critici l'hanno valutato come un libro storico riscontrando di conseguenza una serie di errori che si aggirano sulla trentina, di cui alcuni molti molto gravi (soprattutto per quanto attiene la storia del Cristianesimo); secondo Brown il libro non va considerato come un saggio storico, ma come pura finzione.
   

Leggi anche: Prima di diventare uno dei più acclamati autori di thriller, Dan Brown è stato insegnante di inglese all'università e storico d'arte.

Personaggi. 
 

    Robert Langdon: docente di iconologia religiosa all'Università di Harvard, negli Stati Uniti, ed esperto di simbolismo. È anche un ottimo nuotatore e soffre di claustrofobia a causa di un trauma infantile. 
    Sophie Neveu: la protagonista femminile del romanzo. Ha perso i genitori e il fratello in un tragico incidente venendo poi presa dal nonno Saunière. 
    Sir Leigh Teabing: anziano e ricco cavaliere inglese che ha dedicato la sua vita allo studio del Santo Graal e del Priorato di Sion. Antagonista del romanzo e mandante dell'omicidio di Jacques Saunière. Avvelena il suo maggiordomo, essendo quest'ultimo uno scomodo testimone. 
    Silas: il monaco-killer assoldato da Teabing per uccidere Jacques Saunière. 
    Bezu Fache: l'ispettore di polizia incaricato dell'arresto dei protagonisti. 
    Jérôme Collet: tenente della polizia, aiuta Fache nelle operazioni di cattura dei protagonisti. 
    Arcivescovo Manuel Aringarosa: membro influente dell'Opus Dei. 
    Rémy Legaludec: fedele maggiordomo di Teabing. Viene avvelenato da quest'ultimo. 
    Jacques Saunière: Gran Maestro del Priorato di Sion e nonno di Sophie. Viene ucciso da Silas all'inizio del romanzo. 
    André Vernet: il direttore della banca dove si trova il cryptex che contiene la "chiave di volta", l'indizio fondamentale per recuperare il Santo Graal. 
    Suor Sandrine: suora che viene uccisa da Silas.

Dopo il grande successo del romanzo ne è stato realizzato un film diretto da Ron Howard e distribuito dalla Sony Pictures Entertainment, uscito in contemporanea nelle sale di tutto il mondo il 19 maggio 2006, dopo l'anteprima al Festival di Cannes 2006 il 16 maggio.

Dal libro è stato inoltre tratto un videogioco intitolato Il codice da Vinci, pubblicato nel 2006 per PlayStation 2, Xbox e personal computer.

Il Priorato di Sion è l'organizzazione fondata da Pierre Plantard, che sosteneva essere un discendente di Gesù e aspirava al trono nel contesto di una restaurata monarchia in Francia, e non a difendere il femminino sacro e il segreto su Maria Maddalena, come affermato nel libro (in cui peraltro sono citati i Dossier secrets, falso elenco di presunti Gran Maestri creato da Plantard, ma non Plantard).