RSVP - Raccomandati Se Vi Piacciono -
Recensioni su Film, Musica, Serie TV e Libri.

Predatore



 

 

Kay Scarpetta e il suo team stanno indagando sulla morte di Johnny Swift, neurochirurgo di Broward, Florida, apparentemente suicidatosi: la causa potrebbe essere la depressione creatasi dopo un'operazione alle mani che avrebbe compromesso la sua capacita' di operare.

Ma e' davvero cosi'? Vari indizi sembrano portare le indagini verso un'altra direzione, quella dell'omicidio.

In contemporanea Benton Wesley sta portando avanti una serie di test su criminali seriali. La "cavia" al momento e' Basil Jenrette, uno stupratore-torturatore-assassino.

Il progetto di Wesley si chiama "Predator", cioe' Prefrontal Determinants of Aggressive-Type Overt Responsibity e "studia il ruolo dei lobi prefrontali nell'aggressivita'".

Allo stesso tempo Wesley indaga anche sul cadavere di una donna rinvenuta con degli strani tatuaggi rossi a forma di mano in vari punti del corpo.

Gli stessi tatuaggi compaiono sul corpo di una delle amanti occasionali di Lucy, conosciuta in un bar.

Quale nesso accomuna tutti questi casi? E la violazione del sistema informatico dell'istituto creato da Lucy e' connesso a tutto questo?

Patricia Cornwell ha riportato in questa storia tutti i personaggi principali: oltre a Kay Scarpetta, ritroviamo il burbero Pete Marino, la strana Lucy Farinelli (da sempre la mia preferita, purtroppo scopertasi omosessuale) e Benton Wesley, resuscitato in "Calliphora".


E' domenica pomeriggio, e Kay Scarpetta è nel suo studio alla Forensic Academy di Hollywood, in Florida. Il cielo è coperto, foriero di tempesta. Di solito, a febbraio, il tempo non è così caldo e piovoso.

Echeggiano  colpi di arma da fuoco, qualcuno urla qualcosa che lei non capisce. Nei weekend spesso si tengono esercitazioni in cui gli agenti del reparto operazioni speciali corrono in tuta nera sparando a destra e a sinistra.

Nessuno li sente, a parte Kay, che però  non ci bada e prosegue nella lettura. Sta esaminando il certificato di salute mentale rilasciato da un coroner della Louisiana a una donna che in seguito ha ucciso cinque persone e dichiara di non ricordare nulla.

Sarebbe un caso interessante per il progetto Predator, che sta per Prerfontal Determinants of Aggressive-Type Overt Responsivity e studia il ruolo dei lobi prefrontali nell'aggressività. Si sente il rombo di una moto che si avvicina.

Kay scrive un'e-mail a Benton Wesley, psicologo forense.

Ho un  soggetto che potrebbe interessarti, ma è una donna. Nonricordo se Predator è limitato ai soggetti di sesso maschile.

La moto è entrata nel parcheggio della National Forensic Academy e si ferma proprio sotto la finestra dello studio di Kay. Pete sta tornando all'attacco, pensa irritata Kay.

Nel frattempo Benton le risponde.

Difficilmente La Louisiana ci concederebbe l'autorizzazione. Con la pena di morte scherzano. Però hanno un'ottima cucina.

Kay guarda fuori dalla finestra e vede Marino che spegne il motore e scende dalla moto guardandosi intorno con l'aria da macho, per vedere se qualcuno lo osserva. Kay chiude i docu­menti relativi al progetto predator in un cassetto della scrivania. Marino entra senza bussare e si accomoda su una sedia.

«Che cosa sai del caso Swift?» le chiede. Indossa un giubbotto di jeans con il logo della Harley-Davidson sulla schiena, senza maniche, che lascia scoperte le sue braccia muscolose e tatuate.

Marino è il capo del reparto investigazioni della National Fo­rensic Academy e lavora part-time anche per l'Istituto di medicina legale della contea di Broward. Ultimamente sembra la caricatura di un personaggio di Easy Rider. Posa sulla scrivania di Kay il ca­sco nero, malconcio e pieno di decalcomanie di fori di proiettile.

«Non ricordo, rinfrescami la memoria» risponde lei, e poi ag­giunge: «Dovresti usare il casco integrale. Questo è molto ele­gante, ma perfettamente inutile. Se hai un incidente, finisci drit­to fra i donatori di organi».

Marino lascia cadere una cartellina sul tavolo. «Johnny Swift. Medico di San Francisco con studio a Miami e casa con il fratel­lo a Hollywood, sul mare, vicino al Renaissance. Hai presente quei due condomini uguali vicino al John Lloyd State Park?

Tre mesi fa, il giorno prima del Ringraziamento, il fratello lo trova lungo disteso sul divano, con un colpo di fucile al petto. Aveva appena subito un intervento al tunnel carpale che non era anda­to come sperava, per cui si è subito pensato a un suicidio.» 

«Non lavoravo ancora per l'istituto, in quel periodo» gli ricor­da Kay.

 A quell'epoca Kay Scarpetta era già responsabile del reparto scienza e medicina forense della National Forensic Academy, ma era diventata consulente all'Istituto di medicina legale della contea di Broward solo in dicembre, quando il direttore, il dot-tor Bronson, aveva cominciato a diradare la sua attività, espri­mendo il desiderio di andarsene in pensione.

«Ricordo vagamente di averne sentito parlare» dice Kay. È a disagio, in presenza di Marino. Ultimamente non lo incontra vo­lentieri.

«L'autopsia l'ha fatta Bronson» precisa Marino, curiosando sul­la scrivania e guardando tutto fuorché lei.

«Hai partecipato alle indagini?»
"No, non ero in città, il caso è ancora aperto, perché il dipartimento di polizia di Hollywood teme che sia più complicato di quanto sembra a prima vista, e sospetta di Laureil»

"E chi è Laurei?»

"Il fratello del morto. Sono gemelli monozigoti. Non essendoci prove, le indagini sono state sospese, ma poi io ho ricevuto questa strana telefonata a casa. Venerdì, verso le tre di notte. Da un telefono pubblico di Boston, sembra.»

"Dal Massachusetts?»

"Credevo che il tuo numero non fosse sull'elenco.»

"Infatti.»

Marino  estrae dalla tasca posteriore dei jeans un pezzo di carta da pacchi e lo apre.

"Ti leggo che cosa mi ha detto, visto che me lo sono scritto parola per parola. Si è presentato come Hog.» "Hog? Nel senso di porco?»

Kay lo guarda, chiedendosi se la stia prendendo in giro. Negli ultimi tempi lo fa spesso.

"Mi ha detto: "Sono Hog. Hai mandato loro un castigo per derisione". Non so che cosa intendesse, con questo. E poi: "Non è i che dall'appartamento di Johnny Swift siano state trafugate delle prove, e se avete anche solo un po' di raziocinio vi con­verrebbe approfondire la morte di Christian Christian. Nulla è casuale. Chiedete a Kay Scarpetta, perché la mano di Dio distruggerà tutti. Tutti, compresa quella lesbica di sua nipote".»

Kay non lascia trasparire quello che prova, quando replica:

"Ha detto proprio così? Sei sicuro?»

 i"Ti sembra che sono uno che si inventa le cose?»

Christian Christian?»


Che ne so, non gli ho mica chiesto spiegazioni! Ha parlatosolo lui, sottovoce e con tono calmo, senza tradire emozioni. Poi ha messo giù.»

"Ha fatto il nome di Lucy o...»

"Te l'ho appena letto, quello che mi ha detto» la interrompe lui.

"Non hai altre nipoti, giusto? Quindi, evidentemente si riferiva a Lucy E non so se te ne sei accorta, ma Hog potrebbe essere l'acronimo di "Hand of God", la mano di Dio di cui ha parlato, per fartela breve ho contattato quelli della polizia di Hollywood, che mi hanno chiesto se io e te potevamo esaminare il caso Swift prima possibile.

Sembra che ci sia qualche problema anche con le prove. Alcune suggerivano che il colpo fosse stato sparato da breve distanza, altre il contrario. Ma o l'u­no o l'altro, non ti sembra?»

«Se il colpo è uno soltanto, sì. A quanto pare non è facile ac­certarlo. Che cosa significa "Christian Christian"? Secondo te è una persona?»

«Ho provato a fare una ricerca al computer, ma non ho trova­to niente.»

«Perché me lo racconti solo adesso? Sono stata qui tutto il weekend.»

«Ho avuto da fare.»

«Ti arriva una telefonata come questa e aspetti tre giorni per dirmelo?» Kay cerca di non perdere le staffe.

«Proprio tu mi rimproveri di non parlare?»

«In che senso, scusa?» ribatte lei, perplessa.

«Dovresti stare più attenta. Non ti dico altro.»

«Parlare per enigmi non serve a niente, Marino.»

«Ah, quasi mi dimenticavo. Quelli della polizia di Hollywood vorrebbero il parere professionale di Benton» butta lì Marino, come se gli fosse venuto in mente solo in quel momento e la co­sa lo lasciasse indifferente. Ma, come al solito, non riesce a ma­scherare i propri sentimenti nei confronti di Benton Wesley.

«Glielo chiedano pure» replica Kay. «Non posso prendere im­pegni per lui.»

«Vogliono anche che valuti se la chiamata di Hog è attendibi­le. Non so se sia possibile, però, visto che non è stata registrata e che abbiamo solo quello che ho scritto io su un pezzo di carta.»

Marino si alza e incombe su di lei, facendola sentire più pic­cola del solito. Prende il suo casco perfettamente inutile e infor­ca gli occhiali da sole.

Non l'ha guardata in faccia un attimo da quando è entrato, e adesso si copre anche gli occhi, impedendo­le di leggergli cosa c'è dietro.

«Me ne occupo subito» dice Kay accompagnandolo alla por­ta. «Se vuoi, ci vediamo dopo e ne parliamo.»

« Okay.»

«Ti va di venire a casa mia?» «Okay» fa lui.

«A che ora?» «Alle sette.»
Ricerca personalizzata

@rephugo

website tracker
My Ping in TotalPing.com